01. Fondazioni

Le caratteristiche del terreno sul quale insisterà l’edificio desunte dalla relazione geologica hanno fatto scegliere una fondazione a platea, in calcestruzzo armato. Le fondazioni saranno appoggiate su un getto di sottofondazione, magrone, di spessore cm 10. Il piano di scavo prima del getto di sottofondazione sarà opportunamente rullato e spianato con la stesura di idoneo materiale.

02. STRUTTURE PORTANTI

STRUTTURE VERTICALI

Pilastri, setti, murature perimetrali, vano scale in calcestruzzo armato confezionato gettato in opera, vibrato, con armatura metallica in ferro FeB44k ad aderenza migliorata.

MURATURE DI ELEVAZIONE PERIMETRALE INTERRATO BOX E CANTINE

in calcestruzzo armato confezionato gettato in opera, vibrato, con armatura metallica in ferro FeB44k ad aderenza migliorata.

MURATURE PERIMETRALI FUORI TERRA

muratura in blocchi porizzati tipo Poroton come da calcolo legge 10/91.

STRUTTURE ORIZZONTALI

travi, cordoli solai in calcestruzzo armato confezionato gettato in opera, vibrato, con armatura metallica in ferro FeB44k ad aderenza migliorata.

SOLAI INTERPIANO

mista latero-cemento spessore cm 20+4 con armatura superiore con rete elettrosaldata in ferro FeB44k ad aderenza migliorata e disconnettori in polistirolo alta densità tra marciapiedi e solaio al piano terreno e tra balconi e solaio al primo piano.

SCALE INTERNE

le rampe di scala che collegano il piano interrato con il piano terreno sono gettate in opera con rivestimento in pietra di Luserna e le rampe di scala che collegano il piano terreno ed il sottotetto saranno prefabbricate , innovative dal punto di vista tecnologico e del design, a discrezione della D.L. come da catalogo e scelta di modelli definito dall’impresa.

03. IMPERMEABILIZZAZIONE

PLATEA E MURATURE INTERRATE

Le pareti di scantinato saranno impermeabilizzate con membrana di bitume  polimero elastometrico protetta da coibentazione in polistirene espanso sinterizzato xps dello spessore di cm.5 ulteriormente protetto dal materiale di reinterro da blocchi cavi in cls posati a secco , spessore cm 8, poggianti sul plinto della fondazione.

BALCONATA-MARCIAPIEDI

Sul massetto di posa della pavimentazioni dei marciapiedi e balconate, opportunamente realizzate con pendenza per lo scolo delle acque, sarà posato una membrana minerale traspirante antialcalina e cloro resistente, ecocompatibile per l’impermeabilizzazione flessibile ad elevata adesione monocomponente, a ridotte emissioni di CO2 e riciclabile a fine vita.

 

impermeabilizzazioni_1 impermeabilizzazioni_2

 

04. PARETI DIVISORIE INTERNE

CANTINE BOX

Le divisioni al piano interrato di separazione tra le cantine e i box auto saranno realizzati in blocchi di calcestruzzo a faccia vista dello spessore cm 12 REI 60, posati a blocchi sfalsati con malta cementizia.

PARETI INTERNE AGLI APPARTAMENTI

Le pareti interne ai vari appartamenti saranno tavolato verticale di laterizio di spessore cm 8-12 posati a corsi sfalsati con malta di cemento.

 

pareti_1 pareti_2

05. CANNE FUMARIE E DI VENTILAZIONE

Le cucine, gli angoli cottura saranno dotati di canna di ventilazione con aspirazione dinamica costituita da tubazione di sfiato in pvc di diametro non inferiore a cm 15.

Le singole caldaie a condensazione alimentate a gas metano di rete saranno dotate di regolari canne fumarie in polipropilene PPH e convogliate sulla copertura. Potranno essere fatte scelte diverse in fase di realizzazione degli impianti, sempre nel rispetto della L. 10/91 e i dettami per ottenere una classe energetica A4.

06. INTONACO

INTONACI INTERNI APPARTAMENTI

Le pareti e i soffitti degli appartamenti come le pareti, soffitti saranno intonacati con premiscelato per interni a base di calce idraulica con finitura superficiale a “malta fina”.

07. ISOLAMENTO TERMICO

Il solaio tra il piano scantinato e il piano terreno sarà isolato termicamente con lastre in polistirene espanso estruso dello spessore di cm. 4 su battuto in POLICEM spess cm. 10 posti all’estradosso della soletta, l’intradosso sarà coibentato con pannello isolante in lana di roccia dello spessore di cm. 8 opportunamente rasato. Potranno esserci delle precisazioni o modifiche sempre rispettando i dettami della L.10/91.

N.B.  I  dettagli  saranno  precisati  nella  relazione  ai  sensi  L.10/91  redatta  dal  progettista dell’impianto termico o in fase di realizzazione sempre nel rispetto degli accorgimenti tecnici per ottenere una classe energetica A

LE PARETI PERIMETRALI SARANNO ESEGUITE CON LATERIZI PORIZZATI Le murature perimetrali sono cosi’ composte:

Malta per intonaco, densità 1700kg/m3, spessore 15mm;

Mattone in laterizio porizzato con fori riempiti di perlite (tipo POROTHERM PTH PLAN PLUS), densità 600kg/m3, spessore 450mm;

Malta per intonaco, densità 1700kg/m3, spessore 15mm.

Il laterizio porizzato POROTON® è un mattone il cui impasto cotto risulta alleggerito con alveoli ottenuti addittivando all’argilla cruda, prima della fase di formatura, una ben determinata quantità di alleggerenti.

Si possono avere macroporizzazioni ottenute addittivando, per esempio, polistirolo appositamente espanso in forma di piccole sfere di diametro compreso tra 1 e 2 mm che, durante la successiva fase di cottura, brucia scindendosi in anidride carbonica ed acqua, o microporizzazioni ottenute addittivando, per esempio farine fossili, farine di cellulosa, farine di legno ed altri dimagranti e/o alleggerenti di natura organica e non.

In entrambi i casi l’impasto rimane disseminato di alveoli (macropori o micropori) tra loro non comunicanti, privi di qualsiasi deposito carbonioso e contenenti solo aria.

poroton

Fig. 1 – Laterizio porizzato POROTON®

Caratteristiche termofisiche del laterizio porizzato POROTON®

Normalmente l’argilla cotta presenta un peso variabile (a seconda del tipo) tra 1800 e 2000 kg/m3 che attraverso la porizzazione può diminuire fino ad arrivare a valori pari a 1400-1500 kg/m3.

L’alleggerimento dell’impasto comporta ovviamente il cambiamento delle caratteristiche termofisiche dell’impasto; è noto infatti che, a parità di altre condizioni, un materiale leggero è termicamente più performante di un materiale pesante e, viceversa, meno resistente dal punto di vista meccanico.

Lo standard di produzione del laterizio porizzato POROTON® prevede un peso dell’impasto cotto alleggerito variabile in relazione alle caratteristiche della materia prima di partenza da circa 1450 a 1600 kg/m3.

Tale range di valori rappresenta, infatti, “il migliore compromesso” raggiungibile tra le caratteristiche di resistenza meccanica e termica.

Una diminuzione in peso di circa il 25% comporta infatti una diminuzione della conducibilità del materiale di circa il 40%; ciò consente, unitamente all’impiego di forature opportunamente studiate, di conferire ai blocchi e, conseguentemente, alle murature POROTON®, quella capacità di isolamento termico ed inerzia termica che il normale laterizio non è in grado di fornire.

Da un punto di vista meccanico la perdita di resistenza non comporta problemi di alcun tipo e non è tale da impedire la possibilità di costruire edifici fino a 3-4 piani in muratura portante.

L’alleggerimento dell’impasto, oltre a determinare un miglioramento della caratteristiche di isolamento acustico, consente di ottenere un elemento estremamente lavorabile.

Il laterizio porizzato POROTON® si taglia, si fresa, si chioda con grande facilità.

In definitiva la porizzazione rende più moderno ed attuale un materiale, il laterizio, da sempre apprezzato ed utilizzato per la costruzione di edifici.

PONTI TERMICI

Onde evitare i ponti termici posti in corrispondenza degli avvolgibili saranno adottati particolari

cassonetti ad elevato isolamento termico con celino di ispezione esterno. I ponti termici posti in corrispondenza di solai sporgenti rispetto alla facciata (balconi) saranno eliminati mediante la disposizione dei solai a sbalzo con i blocchi in polistirene paralleli alla muratura del fabbricato in modo da fungere da taglio termico strutturale

Esso fornisce continuità sia all’armatura del calcestruzzo sia all’isolamento termico del muro che protegge l’edificio dagli effetti dei ponti termini.

Per i serramenti verrà montato il blocco termoisolante fornito dalla stessa ditta costruttrice, composto da spalle laterali in poliuretano rivestite in fibrocemento, ancorate al cassonetto a scomparsa realizzato in argilla espansa legata con poliuretano espanso rigido.

Davanti ai pilastri sia internamente che esternamente ci saranno tavelle di adeguato spessore.

09. COPERTURA

La struttura sarà in legno lamellare trattato con impregnante protettivo idrorepellente e fungobattericida, trasparente per le parti interne all’edificio e nella colorazione bianco trasparente per le parti esterne.

  • Il pacchetto isolante sarà così costituito:
  • perlina in abete
  • barriera al vapore
  • strato coibente in fibra di legno cm 4
  • strato coibente in Neopor cm 14
  • strato di tenuta all’acqua membrana traspirante idrorepellente
  • controllistellatura
  • listellatura
  • tegole rosse antichizzate
  • lattonerie, canali di gronda, tubi pluviali in alluminio preverniciato
  • linea vita come da progetto

 

copertura_1 copertura_2

11. PAVIMENTI E RIVESTIMENTI INTERNI

PAVIMENTAZIONE RAMPE ACCESSI PIANO INTERRATO

La pavimentazione della rampa di accesso ai box sarà eseguita con pavimento industriale in conglomerato cementizio armato con rete metallica elettrosaldata a maglia quadra in tondino di acciaio con finitura superficiale antiusura con dentellatura antiscivolo costituita da aggregato minerale al quarzo.

PAVIMENTAZIONE CORSIA DELL’AREA DI MANOVRA, E BOX SOTTO SOLETTA CON TERRA DI RIPORTO

La pavimentazione della corsia di accesso ai box, sarà eseguita con pavimento industriale in conglomerato cementizio armato con stesse caratteristiche dell’accesso ai box con giunti di dilatazione con relativa sigillatura.

PAVIMENTAZIONE CANTINE , DISIMPEGNI E BOX

In piastrelle di gres porcellanato dimensioni del formato e colore a scelta della committenza in accordo con la D.L.Prezzo massimo € 28,00 da listino al pubblico .

SCALE E CAMMINAMENTI ESTERNI

Le rampe di scala degli accessi pedonali saranno gettate in opera e rivestite in materiale lapideo antigelivo e a spacco, di dimensioni tali da permettere un eventuale servoscala di sollevamento.

PAVIMENTI MARCIAPIEDI- BALCONI

Poggioli e terrazze saranno pavimentate con piastrelle per esterno tutta massa antigelive antisdrucciolo di prima scelta e primaria marca del formato e colore a scelta della committenza in accordo con la D.L. Prezzo massimo € 28,00 da listino al pubblico, posate con fuga ortogonali rispetto alle pareti. Il battiscopa ove previsti, sarà realizzato con il medesimo materiale. La copertina di bordo sarà realizzata con medesima piastrella apposita realizzata nello stesso materiale dotata di gocciolatoio.

SOGLIE E DAVANZALI

Le soglie e i davanzali esterni saranno integrati nella posa dei serramenti realizzati in materiale lapideo tipoe luserna spessore cm.

I davanzali interni saranno  in travertino o comunque in materiale lapideo a scelta della D.L.

PAVIMENTO CUCINE, SOGGIORNI , CAMERE DA LETTO BAGNI ED INGRESSI

La pavimentazione dei suddetti locali saranno pavimentati con piastrelle di gres porcellanato di prima scelta e primaria marca nel formato e colore a scelta della committenza in accordo con la

D.L. e/o palchetto in listoni verniciati prefiniti. Prezzo massimo € 40,00 al mq. da listino al pubblico da scegliere su campionario, posate accostate o con fuga ortogonali rispetto alle pareti complete di battiscopa.

RIVESTIMENTO PARETI CUCINE E BAGNI

Le pareti saranno rivestite con piastrelle di gres porcellanato di prima scelta e primaria marca nel formato 30×30, 40×40, 30×60 da scegliere su campionario del formato e colore a scelta della committenza in accordo con la D.L.Prezzo massimo € 40,00 da listino al pubblico, posate accostate o con fuga ortogonali rispetto alle pareti, le cucine rivestite per una fascia di cm. 80, i bagni fino ad un’altezza di ml 2.20 o del multiplo del formato della piastrella.

 

 

12. OPERE DA SERRAMENTISTA

PORTONI BASCULANTI BOX

I box saranno dotati di portoni basculanti manuali (con predisposizione alla motorizzazione) in acciaio grecato verniciato o pvc coibentato.

porta_1PORTE INTERRATO

Le cantine dell’interrato saranno dotate di porte a battente tamburato in lamiera di acciaio zincato con intercapedine a nido d’ape, verniciato, maniglia interna ed esterna a leva con serratura con cilindro da concordare con committenza e D.L o saranno in legno tamburato cieche scelte da campionario da concordare con la D.L.sino ad un prezzo massimo di € 300 da listino al pubblico con battenti ad anta con finitura liscia laccata complete di guarnizioni di battuta, ferramenta di portata e chiusura con cerniere a scomparsa regolabili , chiavi, rosette coprifori e maniglie in acciaio del tipo a scelta della D.L.

SERRAMENTI ESTERNI

I serramenti esterni degli appartamenti saranno in pvc nella colorazione della tonalità del bianco, a 7 camere, profondità anta mm 78 , trasmittanza Uw 1.2 W/mqK, ferramenta con anta ribalta su tutte le finestre, chiusura antieffrazione di sicurezza, vetro camera basso emissivo 4/20/4 con gas argon trasmittanza Ug 1.1 W/mqK, tapparelle di oscuramento monoblocco in alluminio coibentato, predisposizione per la fornitura e posa di zanzariera, opzionale.

porta_2 porta_3

PORTONCINI DI SICUREZZA

Gli appartamenti avranno portoncini blindati con telaio in acciaio, battente in lamiera di acciaio elettrozincato con nervature interne di rinforzo, coibentato e rivestito sulle facce esterne con pannelli, completo di quattro rostri fissi, asta superiore di chiusura, deviatore inferiore, cerniere saldate regolabili, serrature di sicurezza a cilindro con chiave europea comandante cinque chiavistelli di chiusura, completi di blocchetto intercambiabile, guarnizioni in gomma, spioncino grandangolare, fermo di sicurezza, lama parafreddo, maniglia in alluminio anodizzato. Il pannello esterno sarà a scelta della D.L., quello interno verniciabile della stessa tonalità delle pareti. Esclusivamente al piano terreno.

porta1 porta2 porta3

PORTE INTERNE

Le porte interne dei piani abitabili saranno in legno tamburato cieche scelte da campionario da concordare con la D.L.sino ad un prezzo massimo di € 600 da listino al pubblico con battenti ad anta con finitura liscia laccata complete di guarnizioni di battuta, ferramenta di portata e chiusura con cerniere a scomparsa regolabili , chiavi, rosette coprifori e maniglie in acciaio del tipo a scelta della D.L.

13. IMPIANTO TERMOIDRAULICO

Descrizione impianto Tipologia

Impianto termico di tipo autonomo in pompa di calore per riscaldamento a serpentine radianti, produzione di ACS e raffrescamento con ventilconvettori.

Sistemi di generazione

Pompa di calore Aria-Acqua da esterno tipo monoblocco con ventilatore modulante soc. Vaillant mod. aroTHERM VWL 85/3collegata ad unità compatta da interno soc. Vaillant mod. uniTOWER WIH QW 190/1 E, installata in locale tecnico.

Sistemi di termoregolazione

Centralina elettronica collegata a sonda esterna in grado di regolare il funzionamento della pompa di calore in ragione delle richieste di energia e delle temperature esterne con possibilità di gestione da remoto e testine elettrotermiche per la regolazione del singolo ambiente.

Sistemi di contabilizzazione dell’energia termica Impianti autonomi.

Sistemi di distribuzione del vettore termico

La distribuzione del vettore termico (acqua tecnica) avverrà tramite distribuzione orizzontale di piano. Sistemi di accumulo termico: tipologie

Serbatoio di accumulo interno dell’unità compatta uniTOWER da 190 l per la produzione di ACS. Sistemi di produzione e di distribuzione dell’acqua calda sanitaria

L’acqua calda sanitaria è prodotta dalla pompa di calore Aria-Acqua e accumulata in un serbatoio di accumulo da 190 l, dotato di serpentina di scambio termico ad alta superficie di scambio.

  • Tipo di generatore:    Pompa di calore
  • Combustibile        Energia elettrica
  • Marca – modello:         VAILLANT/aroTHERM VWL/VWL 85/3 o equivalente
  • Potenza utile nominale:        Pn 7,70 kW

servizio         frescamento        Fluido termovettore             Aria

  • Tipo di generatore:    Pompa di calore
  • Combustibile        Energia elettrica
  • Marca – modello:         VAILLANT/aroTHERM VWL/VWL 85/3 o equivalente
  • Potenza utile nominale:        Pn 7,30 kW

Per gli impianti termici con o senza produzione di acqua calda sanitaria, che utilizzano, in tutto o in parte, macchine diverse dai generatori di calore convenzionali, quali ad esempio: macchine frigorifere, pompe di calore, gruppi di cogenerazione di energia termica ed elettrica, le prestazioni delle macchine diverse dai generatori di calore sono fornite indicando le caratteristiche normalmente utilizzate per le specifiche apparecchiature, applicando, ove esistenti, le vigenti norme tecniche.

Specifiche relative ai sistemi di regolazione dell’impianto termico

Tipo di conduzione prevista continua con attenuazione notturna intermittente Altro

Sistema di telegestione dell’impianto termico, – opzionale- Centralina climatica soc. VAILLANT mod. multiMATIC 700 con possibilità di gestione da remoto per la regolazione e l’accensione/spegnimento della pompa di calore.

Regolatori climatici delle singole zone o unità immobiliari

Dispositivi per Terminali di erogazione dell’energia termica Serpentine radianti a pavimento

Sistemi di trattamento dell’acqua (tipo di trattamento) Trattamento dell’acqua di alimento secondo prescrizioni UNI8065

Specifiche dell’isolamento termico della rete di distribuzione Descrizione della rete

Spessori secondo DPR n.412/1993        Materiali espansi organici a cella chiusa

Impianti fotovoltaici Descrizione e caratteristiche tecniche

Campo solare composto da n. 7 pannelli fotovoltaici installati in copertura sulla falda esposta a SUD- OVEST per un totale di 1820 Wp per ogni unità abitativa.

SCHEMA DI FUNZIONAMENTO

termico

VENTILAZIONE MECCANICA CONTROLLATA

L’ impianto permette di avere sempre il ricambio di aria pulita in casa (e asciutta, in inverno) recuperando il calore dell’aria che si espelle.

Come ormai sappiamo, la qualità dell’aria all’interno delle nostre abitazioni è a volte ben “peggiore” di quella esterna. Sono infatti numerose le fonti di inquinamento nei locali abitati: spore delle muffe dovute all’umidità, anidride carbonica sviluppata dalle persone, rilascio di VOC (Composti Organici Volatili) come la formaldeide dalla mobilia interna, ecc. Diventa quindi importante migliorare la qualità dell’aria in casa.

In più i nuovi serramenti, a differenza delle finestre “di una volta”, hanno un’ottima tenuta agli spifferi, e quindi tenendole chiuse non si ha un regolare ricambio d’aria negli ambienti. Bisognerebbe arieggiare frequentemente, ma spalancando le finestre d’inverno si spreca tanta energia termica.

Molti lamentano inoltre problemi di condensa e muffa, specie negli angoli delle stanze, dovuta altre che a ponti termici anche a un’alta umidità interna degli ambienti.

L’involucro edilizio è sempre più a tenuta d’aria: per evitare i danni prodotti dall’umidità e la formazione di muffe occorre arieggiare regolarmente i locali. La ventilazione degli spazi abitativi con recupero energetico diventa quindi indispensabile.

Un impianto di Ventilazione Meccanica Controllata (VMC) risolve questi problemi, e in più:

  • alza la qualità dell’aria interna
  • recupera il calore che altrimenti andrebbe perso arieggiando un locale (con un’efficienza fino al 90%)
  • in inverno, abbassa l’umidità relativa interna dell’ambiente (fa da “deumidificatore”)
  • ha un bassissimo consumo di elettricità (intorno ai 6 W/m3h)
  • ideale per chi soffre di allergie: pollini, spore, polvere presenti all’esterno vengono filtrati
  • è poco rumorosa (circa 10 dB)

Gli appartamenti saranno dotati di Ventilazione Meccanica Controllata puntuale con scambiatore a doppio flusso avente funzione di recuperatore di calore con rendimento superiore all’80% dell’energia immagazzinata.

Gli apparecchi, di buone prestazioni, sono progettati per fornire al singolo locale la necessaria portata di rinnovo aria, per recuperare il calore dall’aria esausta e trasferirlo all’aria immessa in ambiente.

N.2 ventilatori monoblocco a doppio flusso avente le seguenti caratteristiche prestazionali e costruttive:

  • foro di passaggio non superiore a 200 mm
  • rendimento termico pacchetto di scambio superiore a 80%
  • potenza sonora non superiore a 35 dB (A)
  • griglia di ispezione e manutenzione ispezionabile dall’interno
  • portata d’aria consentita min 25 mc/h, max 55 mc/h
  • doppia filtrazione /aria esterna/ripresa F7/G4)

 

ventilazione

 

14. IMPIANTO IDRICO SANITARIO

L’impianto sarà realizzato con tubazioni coibentate di idoneo diametro in polietilene reticolato ad alta densità con contatore indipendente per ogni appartamento posto in apposito spazio condominiale.

Gli apparecchi sanitari saranno in porcellana bianca con installazione a pavimento a filo parete, marca Ideal Standar serie Connect . I miscelatori del tipo monoforo monocomando di marca Grohe mod. Eurostyle.

Nelle singole unità sono previste:

CUCINA-LOCALE DI SGOMBERO

n° 2 attacchi acqua fredda/calda e scarico (lavello -lavastoviglie) n° 1 attacco gas per piano

SERVIZIO IGIENICO PIANO TERRENO

n° 1 lavabo in porcellana vetrificata tipo sospeso, con rubinetteria in ottone cromato e gruppo miscelatore monocomando a bocca di erogazione centrale con scarico salterello

n° 1 vaso igienico in porcellana vetrificata a pavimento,o sospeso filo parete, cassetta di scarico da incasso a portata differenziata onde limitare il consumo di acqua

n°1 piatto doccia porcellanato a filo pavimento con miscelatore a incasso e asta di di sostegno doccia con soffione

n° 1 bidet in porcellana a pavimento o sospeso, filo parete, con rubinetteria in ottone cromato e gruppo miscelatore monocomando a bocca di erogazione centrale con scarico salterello

SERVIZIO IGIENICO PIANO SOTTOTETTO

n° 1 lavabo in porcellana vetrificata tipo sospeso, con rubinetteria in ottone cromato e gruppo miscelatore monocomando a bocca di erogazione centrale con scarico salterello

n° 1 vaso igienico in porcellana vetrificata a pavimento,o sospeso filo parete, cassetta di scarico da incasso a portata differenziata onde limitare il consumo di acqua

n° 1 bidet in porcellana a pavimento o sospeso, filo parete, con rubinetteria in ottone cromato e gruppo miscelatore monocomando a bocca di erogazione centrale con scarico salterello

n°1 vasca da bagno

idraulico_2 idraulico_3 idraulico_1

15. IMPIANTO ELETTRICO

L’impianto sarà costituito da due linee (luce e forza appartamento), eseguite con conduttori in rame stagnato isolati e posti in tubi di plastica sotto intonaco e pavimento, con scatole di derivazione e frutti a incasso marca BTICINO LIVING INTERNATIONAL colore come da campionario, comando basculante completi di placche rettangolari in tecnopolimero colore da campionario.

elettrico_1 elettrico_2

ELENCO IMPIANTI PREVISTI

  • Luci e usi per elettrodomestici suoneria ingresso
  • impianto di videocitofono
  • canalizzazioni televisive sia analogiche che digitali e telefoniche
  • allacciamenti caldaie e relative apparecchiature
  • impianto salvavita impianto di messa a terra
  • impianto di illuminazione esterna
  • predisposizione impianto di allarme costituito da rilevatori sui serramenti e rilevatori volumetrici interni 

Nei singoli alloggi saranno previsti:

Ingresso

  • 1 pulsante campanello con targhetta porta nome retro illuminata (esterno ingresso)
  • 1 campanello con ronzatore
  • 1 videocitofono da incasso
  • 1 centralino d’appartamento completo di protezioni magneto termiche differenziali
  • 1 punto luce deviato a soffitto

Cucina /angolo cottura

  • punto luce semplice a soffitto
  • prese 2×10/16A per frigorifero/lavastoviglie
  • 2 prese 2×10/16A per piano lavoro
  • 1 presa 2x16A schuko ingresso cucina
  • 1 attacco per cappa aspirazione
  • 1 presa antenna tv terrestre e satellitare
  • 1 presa telefonica
  • 1 comando per ogni avvolgibile motorizzato
  • 1 comando generale avvolgibili

Soggiorno

  • punto luce semplice a soffitto ( 2 se ambiente grande)
  • 1 punto luce deviato a soffitto
  • prese 2x10A
  • 2 prese 2×10/16A
  • 1 presa antenna tv terrestre e satellitare
  • 1 presa telefonica
  • 1 comando per ogni avvolgibile motorizzato
  • 1 termostato ambiente

Disimpegni

  • 1 punto luce deviato a soffitto Servizi Igienici
  • 1 punto luce semplice a soffitto
  • 1 punto luce semplice a parete 1 presa 2x10A lato lavabo
  • 1 comando luce avvolgibile motorizzato
  • 1 presa 2×10/16A

Camere da letto

  • 1 punto luce deviato invertito a soffitto
  • 4 prese 2x10A
  • 1 presa 2×10/16A schuko
  • 1 presa 2x16A
  • 1 presa antenna tv per canali terrestri e sat
  • 1 presa telefonica
  • 1 comando avvolgibile motorizzato balconi e terrazzi
  • 1 punto luce a parete completo di corpo illuminanate
  • 1 presa 2x16A schuko stagna IP55

Cantine (impianto elettrico a vista)

  • 1 punto luce a parete o soffitto completo di corpo illuminante
  • 1 presa 2x16A schuko

Garages

  • 1 punto luce a parete o soffitto completo di corpo illuminante
  • 1 presa 2×16 A schuko

I servizi generali comprendono:

  • quadro contatori atto a contenere apparecchi misuratori e valvole di sicurezza
  • impianto elettrico corsia esterna autorimesse completo di punti luce e plafoniere con accensione e spegnimento comandati da rilevatori di presenza a infrarossi nonchè  alimentazione sollevamento acque
  • impianto tv terreste e satellitare con sistema digitale/analogico per ricezione astra/eutelsat

16. SISTEMAZIONE AREE ESTERNE

Le opere esterne comprendono:

Convogliamento acque piovane

le acque piovane provenienti dalla copertura verranno convogliate in pozzetti di calcestruzzo con chiusino o caditoia in ghisa asportabile carrabile e incanalate verso il collettore di smaltimento mediante condotti in pvc con giunti ad anello elastico o convogliate in cisterna di raccolta che potrà essere dotata di pompa per irrigazione aree esterne

Convogliamento acque nere

le acque nere verranno convogliate in pozzetti di calcestruzzo con chiusino o caditoia in ghisa asportabile carrabile e incanalate verso il collettore di smaltimento mediante condotti in pvc con giunti ad anello elastico e pozzetto con sifone Firenze posto all’uscita della proprietà, come previsto dalle vigenti norme del regolamento Comunale, e successivamente incanalate nella fognatura pubblica

Muri di recinzione e contenimento

I muri di recinzione/contenimento realizzati negli spessori e altezze come da progetto, eseguiti in cls armato con finitura faccia vista, saranno completi di recinzioni e/o parapetti metallici realizzati nella tipologia, altezza e finitura superficiale come da progetto o indicazioni della D.L.

L’accesso carraio sarà dotato di cancello metallico automatizzato con tipologia simile alla recinzione sostenuto da 2 pilastri in cls armato, l’ingresso pedonale sarà dotato di cancelletto metallico elettrico sostenuto da due pilastri/setti in cls dove troveranno alloggiamento la pulsantiera dei campanelli e le buche delle lettere. l’ingresso pedonale sarà riparato da un tetto piano in cls impermeabilizzato.

Giardini privati

I giardini privati, prevedono la messa a dimora di specie arbustive per la formazione di siepi, dove previsto per normativa, in ligustro volgare

Illuminazione esterna

Le parti esterne avranno un impianto di illuminazione esterna dotato di accensione crepuscolare con orologio programmatore completo di corpi illuminanti da incasso o su palo.

17. CONDIZIONI GENERALI E PARTICOLARI

La parte venditrice con questa descrizione dei lavori, riportata nella presente relazione tecnica, chiarisce l’intendimento sommario e schematico, con lo scopo di  individuare  elementi fondamentali sulle caratteristiche dell’edificio in costruzione. Gli appartamenti e gli altri spazi comuni, sono derivabili dagli elaborati progettuali approvati, con finiture come dalla presente relazione, salvo eventuali varianti che la parte Acquirente potrà richiedere. Tali varianti non potranno riguardare i prospetti esterni, comportare modifiche strutturali o altre problematiche di ordine procedurale dei lavori o tecniche.

Eventuali modifiche sia tipologiche che di impiego di materiali non previsti in capitolato, saranno preventivamente concordati tra le parti. Resta comunque facoltà della parte venditrice apportare o meno le varianti richieste. Le varianti dovranno comunque essere sempre preventivamente accettate dalla Direzione Lavori.

Qualora i lavori di variante siano accettati dalla parte Venditrice, essi verranno iniziati e quantizzati solamente previo accordo sulla differenza prezzi, controfirmato per accettazione dalla parte acquirente, al momento dell’esecuzione dei lavori.

L’acquirente si impegna ad accettare eventuali riseghe, lesene, rientranze che esigenze tecnico strutturali dovessero richiedere.

La parte venditrice precisa che  nel  corso  dei  lavori  possono  essere  apportate modifiche alle soluzioni tecnologiche e nella scelta dei materiali indicati nella presente relazione, le stesse si intendono accettate dalla parte acquirente sia che vengano imposte dalle autorità competenti sia nel caso vengano reputate necessarie dalla Direzione Lavori al fine di migliorare la condotta delle operazioni o la qualità dell’opera, Tali modifiche verranno sempre eseguite nel rispetto di quanto previsto dal Permesso di Costruire e dalle eventuali Varianti, e verranno effettuate al solo scopo di migliorare la buona qualità generale dell’edificio che comunque non potranno essere inferiori a quanto pattuito. Le modifiche apportate a insindacabile giudizio della parte venditrice non comporteranno alcuna variazione per la parte acquirente.

Per quanto riguarda le opere di finitura esterna eseguite prima della sottoscrizione del preliminare di compravendita valgono quelle effettivamente già eseguite anche se diverse da quelle descritte dal presente documento.

NOTE

Le foto di cantiere del documento sono riferite ad un immobile già realizzato dalla ditta Edil San Giorgio s.r.l con caratteristiche simili

L’elenco di materiali e finiture puramente indicativo e soggetto a variazioni con mantenimento dello standard qualitativo a discrezione di Edil San Giorgio Srl e della direzione lavori

Ogni informazione ed ogni descrizione e’ meramente indicativa e suscettibile di variazione, totalmente priva di  valore  negoziale, contrattuale, ricognitivo o di garanzia, senza alcuna forza vincolante o tale  da  poter ingenerare affidamento, non implicando alcuna dichiarazione di volonta’. Non puo’, pertanto, conseguire alcuna responsabilita’ in capo a chi, direttamente o indirettamente, per iscritto o oralmente, abbia fornito detti dati. E’ compito di ogni potenziale contraente verificare ogni affermazione ricevuta, senza poter contare sulle descrizioni che si rinvengono nei disegni, nonche’verificare la sussistenza di ogni necessaria autorizzazione legale o amministrativa o di ogni attestazione di conformita’ relativa al progetto o a parte di esso. Ogni diritto resta riservato ai             progettisti.

PROGETTISTI

progettista impianto termico

inprogetto

progettista valutazione acustica

Relazione redatta da: ing. Alessandro Brosio

(Tecnico competente in acustica ambientale iscritto nell’Elenco Regionale dei Tecnici Competenti in Acustica Ambientale ai sensi dell’art.2,c.7 della Legge n.447/95 con Determinazione Dirigenziale n.11 del 18/01/2007)

ing. Alessandro Brosio

P.zza Emanuele Filiberto 13, 10122 Torino      Tel.: 340.8432970 e-mail: alessandrobrosio@gmail.com e-mail certificata: alessandro.brosio@ingpec.eu

progettista architettonico e direzione lavori

adriana_piazza

RESIDENZA MYOSOTIS

casa

 

RESIDENZA MYOSOTIS – NUOVA COSTRUZIONE DI TRE EDIFICI UNIFAMILIARI IN BRUINO – VIABILITA’ PRIVATA VIA DON BOSCO 10

SOSTENIBILITA’ E RISPARMIO ENERGETICO

L’edificio della Residenza Myosotis si presenta con uno stile contemporaneo raffinato e minimalista, mantenendo nel contempo un’ impronta volta alla tradizione, con una scelta di materiali innovativa e attenta alla sostenibilità ambientale e con la possibilità di personalizzare l’interno della propria abitazione. Il complesso sistema edificio impianto avrà caratteristiche tali da poter rientrare nella classe  di efficienza energetica “A 4” certificata.

classeA4

La progettazione è stata improntata a criteri di efficienza energetica attuali, caratterizzanti il nuovo modo di costruire, anche se ancora in tipologia tradizionale, rivolta alla qualità abitativa dell’edificio nel rispetto dell’ambiente.

Si è posto particolare attenzione a:

  • l’isolamento termico dell’involucro edilizio;
  • inerzia termica della struttura edilizia;
  • dispositivi per la ventilazione meccanica controllata degli ambienti – impianti con recupero di calore.

Pertanto oltre all’attenzione sulla sostenibilità ne consegue un incremento del confort abitativo e la riduzione del consumo energetico.

Questa volontà si concretizza nel volere costruire con materiali e sistemi sempre più attuali ed evoluti, utilizzando le migliori tecnologie al fine di contenere i consumi fornendo un apporto positivo alla crescente crisi energetica dell’intero sistema ambientale rendendo al contempo l’ambiente domestico più confortevole e vivibile.

La certificazione energetica dell’edificio da noi proposta garantirà la giusta trasparenza all’interno di un mercato dove il cliente potrà fare la sua scelta in modo consapevole. Pertanto a fine lavori sarà rilasciato un certificato di prestazione energetica , individuando in modo oggettivo la sua classe di consumo energetico.

Costruire un edificio certificato “classe A4” a basso consumo energetico con un elevato confort abitativo significa eliminare i “ponti termici” per prevenire muffe e condense, orientare in modo corretto, compatibilmente alla conformazione del lotto edificabile, coibentare in modo ottimale, studiare soluzioni architettoniche e impiantistiche finalizzate alla riduzione dei costi di riscaldamento e raffrescamento. Il senso di benessere delle abitazioni dovuto ad un ambiente salubre sarà immediatamente percepito dall’utilizzatore. Tutte le fasi della progettazione e della costruzioni sono improntate a garantire un prodotto di qualità superiore allo standard attualmente in commercio.

Gli utilizzatori di questo edificio, oltre vivere in un elevato livello di confort dovuto alle soluzioni costruttive ed ai materiali di pregio, rispettosi dell’ambiente, avranno la possibilità di vivere in un edificio di provata efficienza energetica con costi inferiori normalmente sostenuti.